fbpx

Hai mai studiato la voce “video” degli insight?

CSM-approfondiamoildiscorsovideo

Hai mai studiato la voce “video” degli insight?

Lo sapevi che l'interazione video è maggiore???

L’evoluzione degli utenti Facebook è stata lenta ma costante, negli anni si è passati in modo graduale dai post molto scritti con poche immagini, a quelli con prevalenza di figure fino ad arrivare all’attuale tendenza in cui i video hanno raggiunto un’importanza primaria nello scacchiere delle pubblicazioni.

Come d’abitudine  la nostra analisi partirà dalla voce “Video” dell’insight, per poi divagare sull’uso importante ed oramai quotidiano che gli utenti ne fanno.

“Video” nella voce insight di Facebook
La voce “Video” è molto breve e nelle fattezze assomiglia in parte alla voce “Post” di cui abbiamo parlato la scorsa settimana, infatti all’interno di tale voce riusciamo a capire quale tipologia di video è più attraente per il nostro pubblico e quale video è stato consumato maggiormente. Come al solito il discorso si ripete, capire cosa piace ai nostri utenti per modellare il nostro calendario editoriale e quindi fornire contenuti d’impatto al nostro pubblico.

Ma cosa posso farci con un video?
Il video oltre ad essere importante in quanto crea interazione diretta con i nostri followers è un mezzo interessante all’interno dello scacchiere pubblicitario.

 

Quando in futuro parleremo della pubblicità, scopriremo che dovremmo percorrere un “imbuto”, funnel, prima di poter dire di aver conquistato un cliente, e tale percorso sarà costituito fondamentalmente di tre fasi, AwarenessConsideration ed inconclusione Purchase
Durante la consideration è consigliato, infatti, pubblicizzare la propria attività con un video, grazie al quale si riuscirà più facilmente ad attirare verso l’acquisto, il futuro cliente.

Ma quali caratteristiche deve avere un video?

Come spesso accade, dipende da cosa stiamo pubblicizzando, infatti, per esempio se stiamo sponsorizzando un ristorante, potrebbe avere senso pubblicare un video dello chef che prepara il piatto fuori menù della serata. 
L’unica cosa certa però è cosa non deve avere un video, ovvero la lunghezza. Un video troppo lungo e magari con un ritmo basso, non farà avvicinare il cliente, ansi al contrario lo annoierà perdendo effetto sullo spettatore. Di conseguenza il consiglio che mi sento di dare è di fare un video con ritmo, che regala un momento di svago alle persone e che non duri più di 15/20 secondi, considerando però che quelli veramente importanti sono i primi 3 secondi. Proprio in questi primi secondi ci si giocherà tutto, in quei secondi l’utente deciderà se vedere ancora il video o se scrollare.

In conclusione il solito consiglio, studiare la voce insight riguardo i video che hanno attratto più visite, capite il motivo per cui è piaciuto e continuate su quella strada.

A rileggerci!

Seguici sui social

Un commento “Hai mai studiato la voce “video” degli insight?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *