fbpx

Come si diventa social media manager?

Cosa fa un social media manager

Come si diventa social media manager?

Come si diventa Social Media Manager?

Una domanda frequente che mi viene fatta è: “come si diventa social media manager?

Domanda lecita ma che come la maggior parte delle volte può avere differenti risposte. 
Partiamo dal percorso più lineare e giusto, ma che ovviamente presuppone di sapere fin dai 19 anni cosa si vuole fare nella vita. 
Studiare il corso di Comunicazione e Marketing. Questa sicuramente è la strada più giusta per collezionare tutte le informazioni necessarie per svolgere al meglio questo lavoro. 
I corsi a queste facoltà si trovano un pò in tutta Italia, sia nelle Università pubbliche sia in quelle private. 
Dopo di ciò c’è una strada un pò più tortuosa, che è solitamente percorsa da tutte le persone che a 19 anni si vedono con la camicia bianca e la 24ore dietro ad una scrivania a fare l’avvocato ma poi nel corso della vita scoprono che quella non è la loro dimensione che invece scoprono essere quella del SMM. 
Bene in questo caso il percorso è tutto in salita, non tanto per il tempo da recuperare su quelli che a 23 anni sono laureati in comunicazione e marketing e già possono affacciarsi sul mondo del lavoro con forza e passione, ma più che altro bisogna strutturarsi in modo tale da trovare il modo migliore per poter avere quelle informazioni. A questo punto il discorso è iniziare di nuovo l’università oppure studiare da soli, ed in questo secondo caso si apre un mondo. 
Per affrontare questo secondo caso bisogna partire da alcuni presupposti, quali sono le caratteristiche di un social media manager? 
Cerco di enuclearle in base alla mia esperienza:  
passione: senza passione non si va da nessuna parte, prima di tutto perchè c’è un mondo da studiare prima di poter iniziare a lavorare e secondo perchè anche quando si pensa di essere arrivati sulla cima della montagna e aver studiato tutto, i social cambiano i propri algoritmi e quindi è tutto da iniziare da capo, quindi ne segue che la seconda caratteristica è,
– costanza nello studio: questa è fondamentale, la vita di un social media manager si divide tra il lavoro e lo studio. Prima di scegliere questa strada, tieni in considerazione questo fatto, se non ti piace studiare, magari non è il settore più adatto a te.
– ricerca delle informazioni da studiare: su questo mi sento di darti una mano. Se parliamo di social quali Facebook o Instagram, esiste una piattaforma creata dalla stessa azienda statunitense che rilascia delle certificazioni che si chiamano Facebook Blueprint, che accertano le conoscenze acquisite.

 

Dopo di che esistono tante altre piattaforme, sicuramente estremamente interessanti che rilasciano un proprio certificato. 
– capacità di programmazione in base agli obiettivi: anche se questa potrebbe essere una specializzazione nell’ambito dei social manager, credo che di base bisogna saper pensare in ottica raggiungimento dell’obiettivo, ciò significa poter mettere in campo le giuste strategie di comunicazione per raggiungere lo scopo che l’azienda si è prefissata.

Dopo queste caratteristiche di base ce ne sono altre in virtù a cosa preferisci specializzarti sui social media ed in questo caso la direttiva prende 3 strade differenti:
– copywriter
– grafico
– analista
Capiamo di cosa stiamo parlando.

Il copywriter è l’esperto che si occupa di cosa scrivere nel post, di quale linguaggio utilizzare o di quanto deve essere lungo un post. Ovviamente queste decisioni non saranno prese a gusto personale, bensì saranno il frutto di un’attenta analisi del cliente e del pubblico al quale si dovrà parlare.

Grafico è proprio come il copywriter, ma invece di occuparsi della parte testuale, si occuperà della fase visiva di un post. Per il mondo social questa è sicuramente è la figura più importante, in quanto durante lo scrolling delle novità sui social, la prima cosa che cattura l’occhio sicuramente è l’immagine che dovrà in un certo senso, rimandare al copy del post, per comunicare al pubblico.

Analista, è una figura che lavora in fase alternata ai due appena elencati. Infatti l’analista è la figura che si occuperà in prima analisi di delineare lo scenario all’interno del quale il copy ed il grafico dovranno navigare, e successivamente dovrà analizzare se la rotta grafica e verbale stanno raggiungendo l’obiettivo, oppure se c’è qualcosa da modificare in itinere. 

Ma oltre a questi ci sono molte altre figure che possono alternarsi all’interno dello scacchiere, ma quelle appena delineate sono le figure basilari nel mondo del social media manager. 
Conoscendo le figure ed avvicinandole al proprio essere si potrà capire quali sono gli studi più appropriati da svolgere per entrare all’interno del mondo del lavoro.

Seguici sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *