fbpx

Mese: Aprile 2021

Sbarchiamo nelle scuole!

Dovessimo dare una definizione del nostro lavoro possiamo dire che la CSM lavora nel mondo del B2B, ovvero offriamo un servizio di consulenza alle aziende che vogliono entrare o affermarsi nel mondo del social media marketing. In questo primo anno di attività siamo stati totalmente focalizzati nel far passare il nostro messaggio che oggigiorno nessuna azienda può far a meno di lavorare con i social media. 
Tutto questo costituisce il nostro lavoro, ma contemporaneamente, però, uno dei nostri obiettivi è sempre stato quello di incentivare la conoscenza del nostro mondo da parte di chi è interessato. 
Ci siamo impegnati in questo campo, proponendo iniziative che ci hanno visto come relatori su canali online, ma contemporaneamente abbiamo continuato il percorso nel nostro blog in cui forniamo nozioni fondamentali su come poter affrontare un lavoro su una pagina social. 

IIS Nicolucci-Reggio

 Queste iniziative sono sempre state fatte nell’ottica di voler avvicinare le persone al nostro lavoro, farglielo conoscere, far capire le difficoltà che ci sono dietro ogni singolo post, ma che contemporaneamente se ci si impegna tutti possono raggiungere lo scopo. Proprio per questo ci piace pensare che CSM non lavora solo nel ramo del B2B ma soprattutto nel ramo del B2P, ovvero del Business to People.
 Sappiamo che questo settore non esiste, ma come ogni cosa può essere inventato.
Proprio in quest’ottica, in questi giorni, ci ha contattato l’Istituto Tecnico “Nicolucci-Reggio” chiedendoci se fossimo stati disposti a regalare un pò della nostra esperienza ai ragazzi che frequentano il corso RIM (Relazioni Internazionali per il Marketing). Non ce lo siamo fatti ripetere due volte. Non poteva esistere occasione migliore per dimostrare la nostra inclinazione per il B2P, poter aiutare ragazzi in formazione ad entrare all’interno del nostro mondo, fargli capire come si affronta il nostro lavoro e come poter raggiungere i loro obiettivi. E’ la prima volta che ci confrontiamo con ragazzi così giovani, sicuramente gli daremo tutta la nostra conoscenza e magari qualcuno di loro da questa esperienza potrà pensare di iniziare a lavorare in questo campo. Ci vediamo martedì ragazzi!

Cosa fa un social media manager

Social Strategy: consigli riguardo alcuni tools.

Social Media Strategy: quali sono i tool utili?

Nell’articolo precedente abbiamo approfondito come creare una social media strategy ed abbiamo parlato di target, social più adatto, cosa pubblicare e quando pubblicare, ma esiste qualcosa che ci fornisce dei dati in base ai quali possiamo prendere le prime decisioni a riguardo? 
La riposta a questa annosa domanda è: si (siete stati fortunati). 

Chi è il target?
Questa è la prima domanda da porsi quando si inizia il lavoro. Capire chi è il target può dipendere dal fatto se la vostra azienda ha già una pagina social o meno. Infatti social come Facebook offrono un tool interno alla piattaforma che si chiama Facebook Audience Insight che permette di sapere tutte le informazioni riguardo il tuo target, potendo così creare l’elemento più importante di tutto il lavoro che dovrai svolgere, ovvero la buyer persona. Interessi, hobby, pagine seguite, ma anche età, sesso e altri informazioni utili a delineare chi è la persona che ci legge dall’altra parte dello schermo. La differenza tra l’avere una pagina già online e il non averla è questa: se avete già una pagina online questa analisi è perfettamente delineata sul vostro pubblico ovvero le persone che già avete in pagina, se non avete una pagina online allora settando nel modo più appropriato il tool vi permetterà di delineare nel modo più veritiero possibile un pubblico in un’area geografica ben precisa. 
Da tutto ciò potete ben capire l’importanza e la potenza di questo tool in quanto ci permette di poter intervenire sul nostro pubblico parlando come se conoscessimo ogni singola persona. In questa parte del lavoro, il Facebook Audience Insight sarà il vostro migliore amico
Ai dati forniti da questa piattaforma, se possibile, dobbiamo aggiungere tutti i dati che altri software aziendali (CRM, iscrizioni alla newsletter e così via) possono fornirci, in modo tale da poter disporre di un quadro sempre più completo di chi abbiamo di fronte.

 

Che social scegliere?
Capito chi è il nostro pubblico allora possiamo iniziare a ragionare su quale social dobbiamo pubblicare. Come abbiamo già accennato ogni social ha un pubblico ben definito per sesso ed età. Di conseguenza capire chi è il target ci fa capire automaticamente quali sono i social di riferimento. 

Cosa devo pubblicare?
Scelto il social a questo punto bisogna capire quali sono gli argomenti che più attirano il nostro pubblico in base al prodotto o servizio che vogliamo offrire. Per questo lavoro ci sono vari software online che possono aiutarci ad intercettare gli argomenti più interessanti per il target, per la precisione parliamo di: Answer The Pubblic oppure di Ubbersuggests o ancora Google Trends. Tirati fuori questi argomenti li testeremo pubblicando post a riguardo e grazie agli insight che tutti i social ci forniscono possiamo capire il gradimento del nostro pubblico. Tale attività è fondamentale perchè ci permette di intercettare le necessità del nostro pubblico al momento in cui nascono e quindi essere sempre presenti nel loro momento decisionale. 

Quando pubblicare?
E’ vero che nell’ultimo articolo vi abbiamo detto di testare degli orari in relazione al vostro pubblico, ma è pur vero che alcuni social, come Facebook, in relazione al pubblico della pagina, ci forniscono i dati di connessione suddivisi per fasce orarie. Generalmente la balena ha la testa rivolta alle ore della notte con un piccolo crescendo fino alle 12 dopo di che c’è un calo raggiungendo il minimo tra le 18/19 ed avendo il colpo di coda in prima serata. Questi dati sono utili, soprattutto all’inizio dopo di che testando possiamo capire quando riusciamo ad interagire meglio con il nostro pubblico.

Il nostro consiglio nell’attività social, però, rimane sempre lo stesso: testate, testate, testate.

Alla prossima.

Seguici sui social